Iperidrosi

Iperidrosi2018-11-29T10:48:02+00:00
Iperidrosi

CHE COS’È?
La sudorazione rappresenta un importante fattore di regolazione della temperatura corporea del nostro organismo ma quando è eccessiva e indipendente dal sistema della termoregolazione dell’organismo (controllato centralmente dall’ipotalamo e perifericamente dal sistema simpatico), si definisce IPERIDROSI. L’iperidrosi colpisce il 3% della popolazione ed è per lo più idiopatica, cioè non dipendente da malattie sottostanti ma da un maggiore funzionamento del sistema simpatico per  motivi genetici o costituzionali.

IPERIDROSI DI ASCELLE, MANI E PIEDI.
Questo disturbo condiziona notevolmente la vita sociale dei soggetti che ne soffrono per il disagio e l’imbarazzo di apparire in pubblico con camicie e mani costantemente “bagnati”, sebbene la sudorazione sia sempre inodore.  L’emotività finisce per  peggiorare la sudorazione stessa creando purtroppo un circuito che si autoamplifica peggiorando infine  la sudorazione e influenzando talvolta pesantemente la serenità psicologica di chi ne soffre.

TRATTAMENTO
Il trattamento che garantisce  ottimi risultati contro il problema dell’iperidrosi, soprattutto nella zona ascellare e palmare (mani) per la semplicità di esecuzione, è l’iniezione di  tossina botulinica.Questo farmaco regolando l’attività del sistema nervoso simpatico localmente, blocca temporaneamente l’attività delle ghiandole sudoripare e dunque la produzione di sudore. L’alternativa terapeutica è l’intervento chirurgico di simpaticectomia (intervento chirurgico di interruzione delle vie simpatiche afferenti a un determinato distretto), che presenta molti più effetti collaterali e costi elevati. Altri rimedi proprosti non vengono riconosciuti abbastanza efficaci e sicuri dalle autorità scientifiche.

COME AVVIENE IL TRATTAMENTO
La tossina botulnica 
viene iniettata in piccole gocce in sede sottocutanea con ago sottile con tecnica multipunto. Prima della iniezione nei palmi delle mani e delle ascelle viene praticata un’anestesia topica con crema e ghiaccio mentre per le piante dei piedi occorre un blocco anestetico locale. 

DURATA DEL TRATTAMENTO 
A partire da 4-7 giorni dopo il trattamento il disturbo viene controllato per un periodo che va dai 6 ai 9 mesi e in alcuni pazienti può arrivare fino ai 12.
Il trattamento con tossina botulinica è sicuro, rapido e non richiede nessuna precauzione particolare post-trattamento.